Passa ai contenuti principali

Tutti in campo per i bambini



Sono circa 2.700.000, ogni anno, le vittime di tratta nel mondo. L’80% sono minori – oltre 2.100.000 bambini. Le organizzazioni criminali generano un volume d’affari pari a 32 miliardi di dollari. Il traffico di persone è il terzo mercato al mondo più lucrativo dopo quello delle armi e della droga. Il 79% della tratta globale è orientato a fini di sfruttamento sessuale. Nell'arco di un anno 15.857 bambini sono stati vittime di violenza in Sudafrica ; più di 40 bambini al giorno.

Di questo triste mercato il Sudafrica rappresenta la più grande rotta del continente. Bambini e adolescenti vi arrivano da Etiopia, Mozambico, Uganda, Malawi, Zambia, Zimbabwe. Per questo Terre des Hommes ed ECPAT, due organizzazioni internazionali che si occupano di difesa dei diritti dei minori, hanno lanciato la campagna nazionale “Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini.”

I partner locali di Terre des Hommes segnalano infatti che in questi ultimi mesi il movimento di minori non accompagnati (maschi e femmine) lungo le frontiere dei paesi che confinano con il Sudafrica è notevolmente aumentato. Dal Mozambico come dallo Zimbawe, i minori sono attratti per le opportunità offerte dai Mondiali, specie per chi vive in condizioni precarie.

Accanto al problema del traffico di minori, secondo ECPAT, il rischio che i mondiali di calcio generino una maggiore richiesta di sesso nelle città sudafricane, con l’arrivo di molti turisti, e che essa coinvolga anche minorenni è forte. Il Sudafrica risulta essere una meta emergente di turismo sessuale con minori. Funzionari di alto livello sudafricani e organizzazioni locali, nei mesi scorsi, hanno più volte espresso preoccupazione.

Terre des Hommes ed ECPAT credono che i Mondiali di Calcio 2010 possano essere un’occasione importante per sensibilizzare il grande pubblico e, in particolare, coloro che andranno ad assistere all’evento, sulla vulnerabilità dei bambini, in particolare quelli africani, rispetto alle diverse forme di sfruttamento e di abuso all’infanzia. Per proteggere i bambini africani dal traffico e dal turismo sessuale, le due organizzazioni, hanno lanciato una campagna nazionale che coinvolge istituzioni, mondo dello sport e società civile attraverso diversi mezzi di comunicazione… ma che, soprattutto, vuole coinvolgere te!



SCENDIAMO TUTTI IN CAMPO CONTRO IL TRAFFICO DEI BAMBINI!




www.tuttincampoperibambini.it

Post popolari in questo blog

Moldavia, Russia e Italia, bloccano la finale degli Europei WDC Latin Professional. Giovani promesse Italiane FIDA conquistano Blackpool Junior.

La finale del Campionato Europeo WDC Professional Latin 2017 è stato dominato dalla Russia e l’Italia, tre coppie Russe e tre coppie Italiane. Sul Podio Dorin Frecautanu & Marina Sergeeva, Kirill Belorukov & Polina Teleshova, Nikita Brovko & Olga Urumova , tallonate dalle italiane Nino Langella & Andra Vaidilaite, Emanuele Soldi e Elisa Nasato, Massimo Arcolin Laura Zmajkovicova, ultime due Professionisti FIDA. Con stupore l’esclusione dalla semifinale di Stefano Moriondo & Daria Glukhova, coppia meritevole e forse penalizzata per colpe non proprie .


Il Palazzo del Cremlino nel cuore di Mosca è stata la cornice perfetta per ospitare uno spettacolare Campionato Europeo di Danze Latino Americane. L’organizzazione è stata affidata alla Federazione Russa dei professionisti presieduta dal maestro Stanislav Popov, il quale ha ricoperto egregiamente il ruolo di Maestro di Cerimonie, le coppie iscritte si sono esibite su musiche live eseguite da due band: "Seven Winds&…

Trofeo Tuscia: Successo e professionalità decretano la leadership nel Centro Italia

Colleferro. Campionato assoluto Italiano Amateur League WDC Italy- Fida e Fida Italia mettono in pista la qualità.

FIDA, FIDAItalia, Fida Professional e AIMB, per la prima volta si sono incontrate e confrontate a Colleferro in un clima di distensione e armonia. Caterina Arzenton, padrona di casa, e vice presidente FIDA ha accolto il presidente FIDA-AIMBNicola Amato, i due nel reciproco rispetto e affetto hanno espresso pubblicamente la soddisfazione di aver unito le due federazioni per lo sviluppo della danza in Italia, mettendo in prima linea i ballerini in molti iscritti a questo primo Campionato Assoluto Italiano WDC Amateur League WDC-Italy. In un momento delicato, come quello che sta vivendo la nostra nazione nel settore danza, i due dirigenti hanno dichiarato pubblicamente che a poco servono proclami o parole enfatiche per reclutare ballerini e maestri se poi non si attuano azioni concrete che portano benefici all’intera collettività. Arzenton e Amato hanno sposato in pieno la cultura del fare, quella che alle parole fanno seguire le azioni. (continua dopo la foto )



Questo campionato è la pri…